Simbolo no asciugatrice: che fare?

Come sapere se un capo può essere asciugato in asciugatrice

L’asciugatrice è ormai un elettrodomestico presente in molte case e che consente di prendersi cura del bucato domestico in modo più veloce e pratico, in modo da avere in poco tempo abiti e biancheria ben asciutti e pronti da usare, anche nella cattiva stagione, quando per asciugare i panni ci vogliono tempi lunghi, spazio a disposizione e… tanta pazienza.

Una domanda che spesso ci facciamo è quali sono i tessuti che possono essere asciugati in tutta sicurezza in asciugatrice e quali, invece, dovrebbero essere asciugati in altro modo perché non si danneggino, si infeltriscano o addirittura si rovinino del tutto.

Innanzitutto è bene precisare che i modelli di asciugatrice oggi in commercio – e soprattutto quelle di nuova generazione – sono per la gran parte pensate per andare incontro a ogni esigenza e sono studiare per prendersi cura anche di capi molto delicati.

In generale, si può pensare che, se certi capi vengono lavati con uno specifico programma in lavatrice, allo stesso modo si potrà considerare lo stesso programma per la loro asciugatura. A un programma specifico di lavaggio, quindi può essere considerato un relativo programma di asciugatura.

Da considerare, inoltre, che nei modelli più tecnologici di asciugatrice oggi in commercio, che sono collegabili tramite wi-fi con la lavatrice (tra queste ricordiamo alcuni innovativi modelli proposti da Bosch), il programma di asciugatura si imposta automaticamente con il programma di lavaggio utilizzato.

Per essere comunque più sicuri, è sempre bene rifarsi all’etichetta presente sui singoli capi, sulla quale, con appositi simboli, viene indicato se un determinato capo può essere trattato o meno con l’asciugatrice.

Si tratta di simboli specifici che riguardano l’asciugatura e che, nel caso questa fosse consigliata, sono costituiti da un quadrato nel quale è inscritto un cerchio. Nel caso invece nell’etichetta venga indicato un quadrato barrato da una “x”, sappiamo che non dobbiamo utilizzare l’asciugatrice per asciugare quel determinato capo.

Anche se all’inizio fare una cernita dei capi che possiamo asciugare in asciugatrice controllando a una a una le etichette può sembrare una perdita di tempo – e un’altra cosa: non rimuoviamo mai le etichette dai capi nuovi prima di averle lette con attenzione! – in realtà con il tempo ci si prende mano e la faccenda non risulta così impegnativa, anche perché, a lungo andare, i capi che dobbiamo asciugare sono più o meno sempre gli stessi, e quindi alla fine sapremo quali possiamo tranquillamente mettere in asciugatrice e quali no.

Vediamo però quali sono, nello specifico, gli indumenti e i capi di biancheria che possono essere asciugati in tutta sicurezza con l’asciugatrice, quali, invece, non sono considerati idonei all’asciugatura con asciugatrice, e quali possono essere comunque trattati con determinati accorgimenti anche se nell’etichetta che li accompagna è presente il simbolo “no asciugatrice”.

Quali tessuti sono idonei all’asciugatura in asciugatrice

quali tessuti si possono asciugare in asciugatrice

In genere, i tessuti che non hanno problemi a essere asciugati in asciugatrice sono quelli di cotone, quindi nessun problema con t-shirt, camicie, tute, felpe, calze, mutande (ovviamente di cotone), jeans, lenzuola, asciugamani, canovacci, grembiuli da cucina, tovaglie e tovaglioli.

In ogni caso, è sempre bene seguire degli accorgimenti per l’asciugatura, in modo anche di non far uscire i capi troppo stropicciati dal cestello, che richiederebbero una accurata stiratura. Per questo argomento rimandiamo ai nostri approfondimenti:

Per quanto riguarda i capi sintetici, di solito non ci sono problemi e possono essere tranquillamente asciugati in asciugatrice. Si potranno quindi asciugare quasi tutti i tipi di leggins, pantaloni e magliette elasticizzate. In ogni caso, è sempre bene controllare cosa indica l’etichetta, perché alcuni indumenti potrebbero tendere a restringersi, come per esempio i capi in pile.

Per tutti i capi delicati è invece proprio necessario fare attenzione e prendere in esame l’etichetta di ogni singolo capo. Possono riguardare tessuti in lana, seta, raso, pizzo.

Benché per molti modelli di asciugatrice tra i più recenti sia previsto uno specifico programma per piumini e piumoni, così come anche, nei modelli tra i più avanzati, quello specifico per l’asciugatura sicura di tessuti in materiale impermeabile, anche in questo caso è comunque necessario controllare le indicazioni fornite dal produttore riguardo l’asciugatura come da etichetta.

È infatti sempre bene valutare ogni capo a sé e considerarne uno per uno per non rischiare di ritrovarci con un bel maglioncino irrimediabilmente infeltrito o distruggere i nostri pantacollant preferiti.

Quali capi non sono idonei all’asciugatura in asciugatrice e quali mettere in asciugatrice con cautela

tessuti che non vanno in asciugatrice

Ci sono tessuti e materiali che non sono indicati come idonei a essere asciugati in asciugatrice, e la cui asciugatura dovrà quindi essere effettuata in modo tradizionale, all’aria, oppure seguendo particolari accorgimenti.

È comunque sempre da considerare quale asciugatrice si utilizza, in quanto i modelli più avanzati presentano programmi specifici pensati proprio per tessuti e materiali anche molto delicati o termosensibili, che possono quindi essere trattati con altrettanta sicurezza.

In particolare, i capi e gli accessori (compresi cappelli, guanti, sciarpe…) su cui è possibile trovare il simbolo “no asciugatrice”, ovvero un quadrato con sopra una “x”, possono riguardare:

  • capi in pelle, pelle scamosciata e similpelle (il calore dell’asciugatrice essicca la pelle e ne rende la superficie piena di crepe; per questi capi non va mai utilizzata l’asciugatrice);
  • capi in pelliccia ed eco-pelliccia (il calore li danneggia, anche se si tratta di pelliccia sintetica);
  • tessuti impermeabili (a meno che il tipo di asciugatrice non abbia un programma specifico, è bene non trattarli con l’asciugatrice);
  • seta e raso (si tratta di tessuti particolarmente lisci e morbidi; in asciugatrice capi in seta e raso possono rovinarsi con il calore, perdere di morbidezza e soprattutto presentarsi particolarmente pieni di grinze difficili da stirare);
  • lino (le fibre di abiti, pantaloni, asciugamani, lenzuola di lino possono essere “consumati” dal troppo calore sprigionato dalla asciugatrice);
  • alcuni capi in lana (alcuni sono particolarmente delicati e suscettibili di infeltrimento, quindi è necessario attenersi alle indicazioni riportate in etichetta, sia per quanto riguarda il lavaggio sia per l’asciugatura);
  • collant in nylon (si possono attorcigliare durante l’asciugatura, impigliarsi nel cestello, con il rischio che si smaglino irrimediabilmente o che il calore distrugga la fibra elastica);
  • calze in cotone (possono essere messe in asciugatrice, ma è bene sapere che sono soggette a restringimento con il calore, quindi potrebbe essere una buona idea acquistarle di una taglia più grandi);
  • capi con decorazioni metalliche o guarnizioni in PVC (particolare attenzione va messa nell’asciugatura di capi decorati, come per esempio capi in pailettes, perline, strass, che non possono essere asciugati in asciugatrice. In alcuni casi, per certi articoli, è possibile eventualmente inserirli in asciugatrice proteggendoli in sacchetti salva-biancheria);
  • capi in gomma e scarpe da ginnastica (da controllare se il modello di asciugatrice prevede questa possibilità, in quanto il calore può restringere le parti in gomma e distorcere la forma di oggetti come tappeti con retro in gomma, ciabatte, pantofole o scarpe da ginnastica. Si potrebbe inoltre prendere in considerazione la possibilità di riporre le scarpe da ginnastica, prima di metterle nel cestello per farle asciugare, in appositi sacchetti salva-biancheria o dotare la asciugatrice, se lo permette, di appositi ripiani e cestelli pensati proprio per l’asciugatura delle sneakers, come questo per esempio proposto da AEG Electrolux per le sue asciugatrici);
  • reggiseni e costumi da bagno (a seconda del tipo di capo, è bene valutare se è consigliato asciugarlo in asciugatrice, in quanto il calore potrebbe rovinare le fibre elastiche, deformare la forma del tessuto, far danneggiare le parti metalliche);
  • articoli in caucciù e gommapiuma.

Particolare attenzione va messa anche nell’asciugatura di accessori come borse e zaini. Infatti è necessario sempre pensare che il calore prodotto dall’asciugatura potrebbe deformarli, se non addirittura, in certi casi, distruggere le fibre sintetiche.

In ogni caso, vogliamo far presente che il problema maggiore è causato dall’alta temperatura a cui vengono sottoposti i tessuti durante l’asciugatura in asciugatrice, e che, a parte alcuni materiali termosensibili come la gomma, la gommapiuma o il nylon, molto spesso il problema di rovinare gli indumenti con l’asciugatura in asciugatrice può essere ovviato considerando la temperatura dell’asciugatura. Infatti le basse temperature non rovinano i capi, anche perché il calore viene rilasciato più lentamente.

Qualche accorgimento in più per asciugare in tutta sicurezza alcuni capi specifici

Anche se l’etichetta di un capo non riporta in simbolo “no asciugatrice”, in certi casi è sempre bene agire con attenzione.

Particolare cautela, infatti, dovrà essere messa nell’asciugatura in asciugatrice dei capi sintetici – soprattutto se nuovi, e che quindi non sappiamo come “reagiranno” all’asciugatura in asciugatrice – e i capi delicati come quelli in lana.

Oggi molti modelli di asciugatrice hanno un apposito programma lana, ma è bene comunque, almeno la prima volta che si lava e si asciuga un capo delicato o prezioso come quelli realizzati in lana, lavarlo a mano e farlo asciugare all’aria ben steso.

Per essere ancora più sicuri che non si rovini, si possono asciugare in asciugatrice gli indumenti più delicati optando per un ciclo breve di asciugatura, quindi toglierli dal cestello ancora non completamente asciutti e finirli di fare asciugare all’aria ben stesi.

Se devi ancora acquistare la tua asciugatrice, dai un’occhiata alla classifica con le migliori asciugatrici.

Pamela Ruggeri
Pamela Ruggeri

Ciao a tutti sono Pamela classe '85 e da diversi anni mi appassiona il mondo delle asciugatrici e con piacere testo e recensisco nuovi prodotti e al tempo stesso non uso più lo stendino ;)

Saremo felici di ascoltare i tuoi pensieri

Lascia un messaggio

migliorasciugatrice.com
Logo